Insufficienza venosa cronica

Last Updated on

 0515-Cardiac-Thoracic-- Terapie endovascolari Qual è l’insufficienza cronica (CVI) è un disturbo che si verifica quando la parete venosa e / o le valvole nelle vene delle gambe non funzionano correttamente, rendendo è difficile che il sangue ritorni al cuore dalle gambe. Il CVI fa sì che il sangue si “accumuli” o si accumuli in queste vene; il raggruppamento è chiamato stasi.
Quali sono le cause dell’insufficienza venosa cronica?
 
Le vene restituiscono il sangue al cuore dal resto degli organi del corpo. Per raggiungere il cuore, il sangue deve fluire verso l’alto nel corpo dalle vene nelle gambe. I muscoli del polpaccio ei muscoli dei piedi devono contrarsi ad ogni passo per comprimere le vene e spingere il sangue più in alto. Per mantenere il sangue che scorre, e non tornare indietro. Le vene comprendono valvole a una via.
 
Insufficienza venosa cronica si verifica quando queste valvole si danneggiano, consentendo al sangue di fuoriuscire. Il danno alle valvole può verificarsi a causa di invecchiamento, sedute prolungate o in piedi o di una miscela di invecchiamento e movimento ridotto. Quando le vene e le valvole sono indebolite fino al punto in cui è difficile che il sangue fluisca nel cuore, la pressione sanguigna nelle vene rimane elevata per lunghi periodi di tempo, portando a CVI.

Il CVI è più comunemente presente come risultato di un coagulo di sangue nelle vene profonde delle gambe, una malattia identificata come trombosi venosa profonda (TVP). Il CVI è anche il risultato di tumori pelvici e malformazioni vascolari e talvolta si verifica per ragioni sconosciute. Il movimento lento del sangue nelle vene può portare a gonfiore delle gambe, a causa del fallimento delle vene all’interno delle gambe per trattenere il sangue contro la pressione della gravità.
 
 Insufficienza venosa cronica 1 L’insufficienza venosa cronica che inizia con la TVP viene anche definita sindrome post-trombotica. Quasi 30 persone con DTV sviluppano la sindrome post-trombotica entro dieci anni dalla diagnosi di TVP.
 
Quali sono i fattori di rischio dell’insufficienza venosa cronica
 
Se si hanno fattori di rischio CV, è più probabile che altri sviluppino la malattia. Questi fattori di rischio includono:


                 
  • Fumo
  •              

  • Genere femminile
  •              

  • Età superiore a 50
  •              

  • L’obesità
  •              

  • Gravidanza
  •              

  • Vene varicose o una storia familiare o vene varicose
  •              

  • L’inattività
  •              

  • Trombosi venosa profonda (TVP)

Chi è affetto da insufficienza venosa cronica?
 
Si stima che il 40 percento delle persone negli Stati Uniti abbia un CVI. Accade più comunemente nelle persone di età superiore ai 50 anni e più frequentemente nelle donne che negli uomini.
 
 Insufficienza venosa cronica 2 Sintomi di insufficienza venosa cronica?
 
L’importanza del CVI, insieme alla complessità del trattamento, aumenta con il progredire della malattia. Questo è il motivo per cui è molto critico vedere il tuo medico se vedi qualche sintomo di CVI. Il problema non sarà in gradi se aspetti. Le probabilità di prevenire complicazioni gravi migliorano se si viene trattati in precedenza.
 
I sintomi includono:

                 

  • Dolore o stanchezza alle gambe
  •              

  • Nuove vene varicose
  •              

  • Pelle dall’aspetto viscido sulle gambe
  •              

  • ulcere da stasi
  •              

  • Prurito della pelle o desquamazione della pelle sulle gambe o sui piedi
  •              

  • Gonfiore nella parte inferiore delle gambe e delle caviglie, specialmente dopo lunghi periodi di riposo

Se la CVI non viene gestita, la pressione e il gonfiore aumentano utilizzando i più piccoli vasi sanguigni delle gambe (capillari). Quando ciò si verifica, l’over skin assume un colore bruno-rossastro ed è molto sensibile alla rottura se sottoposto a urti o graffi.  Trattamento laser endovenoso
 
I capillari che scoppiano possono causare infiammazioni ai tessuti locali e danni ai tessuti interni. Nei casi più gravi, questo porta a ulcere, piaghe aperte sulla pelle esterna. Queste ulcere venose da stasi possono essere difficili da guarire e possono essere infettate. Quando l’infezione non viene gestita, può espandersi al tessuto circostante, una condizione nota come cellulite.
 
Il CVI è spesso associato a vene varicose; che sono contorti. Vene ingrandite vicino alla superficie della pelle. Possono accadere quasi ovunque, ma il più delle volte si verificano nelle gambe.
 
Come viene diagnosticata la CVI
Per diagnosticare la CVI, il medico eseguirà una storia medica completa e un esame fisico. Durante l’esame obiettivo, il medico esaminerà le gambe. Per misurare il flusso di sangue nelle gambe potrebbe essere utilizzato un test indicato come ultrasuono vascolare o duplex. Nell’ecografia vascolare, un trasduttore (piccolo dispositivo portatile) si trova sulla pelle sopra la vena da esaminare. Il trasduttore emette onde sonore che rimbalzano sulla vena. Queste onde sonore vengono registrate e un’immagine o l’imbarcazione viene creata e visualizzata su un monitor.
 

ir-veinthrombosis (1) Come si può curare o gestire l’insufficienza venosa cronica?

Simile ad altri disturbi, CVI è più facile da trattare con successo nelle fasi iniziali. Specialisti in medicina vascolare o chirurgia vascolare raccomandano una combinazione di trattamenti per le persone con CVI. Alcune delle strategie di trattamento di base includono:
 
Evita lunghi periodi di seduta in piedi: se devi fare un lungo viaggio e stare seduto a lungo, devi allungare e flettere le gambe, le caviglie e i piedi circa dieci volte ogni 30 minuti per mantenere il sangue che scorre nelle vene delle gambe. Se hai bisogno di stare in piedi per lunghi periodi di tempo, fai delle pause di routine per sederti e alzare i piedi.

                 

  • Esercitare regolarmente – Camminare è particolarmente utile.
  •              

  • Perdere peso se si è sovrappeso
  •              

  • Elevare le gambe stando seduti e sdraiati, con le gambe sollevate sopra il livello del cuore
  •              

  • Prendere gli antibiotici necessari per trattare le infezioni della pelle
  •              

  • Praticare una buona igiene della pelle
  •              

  • Indossa calze a compressione

Insufficienza venosa cronica3 L’obiettivo del trattamento era di ridurre il sangue e il pooling e prevenire le ulcere alle gambe
 
Calze a compressione
L’approccio più prudente è quello di indossare un tubo di supporto adatto (chiamato calze a compressione). Le calze a compressione possono essere acquistate presso alcune farmacie e negozi di forniture mediche e sono disponibili in vari stili, tra cui stili sotto il ginocchio, sopra il ginocchio e collant. Sono anche disponibili in varie compressioni da 8 a 10 mm Hg, fino a 40-50 mm Hg. Il tuo medico può suggerirti la compressione giusta per te. Avrai bisogno di una prescrizione per qualsiasi calza con una compressione HG superiore a 20 mm.
 
Se indossi calze a compressione, dovresti assicurarti di toglierle alla fine della giornata per lavarle e asciugarle, e per pulire e controllare la tua pelle. Dovresti assicurarti che le calze si adattino, quindi non c’è ammucchiarsi. Le calze elastiche che si adattano male possono peggiorare la condizione bloccando il flusso di sangue verso l’area in cui si sono accumulati.
 
Alcuni studi hanno dimostrato che mescolare calze elastiche con farmaci da prescrizione per migliorare il flusso sanguigno è molto efficace quando le calze da sole non controllano i sintomi.
 
Antibiotici
Gli antibiotici possono essere prescritti per eliminare le infezioni della pelle correlate all’IVC, ma la malattia di base deve essere trattata per prevenire una recidiva. Le infezioni e le ulcere più profonde possono anche essere trattate con antibiotici.  Insufficienza venosa cronica6
 
Altri farmaci
Se si dispone di una sindrome post-trombotica, il medico può prescrivere farmaci per bloccare la formazione di ulteriori coaguli di sangue.
 
Un involucro medicato specifico, noto come Unna Boot, unisce la compressione multistrato con un rivestimento per ferite a base di gel di ossido di zinco che forma una benda semirigida. Sono disponibili altri sistemi di spremitura multistrato che vengono spesso utilizzati in combinazione con prodotti per la cura delle lesioni topici.
 
Alcuni pazienti hanno tratto beneficio dal supplemento dietetico a base di erbe Vena-Stat, che contiene un derivato dell’estratto di ippocastano. Non si dovrebbero usare preparati a base di erbe al posto dei farmaci prescritti e dovrebbero essere usati con cautela, in quanto possono interagire con gli attuali farmaci prescritti. È necessario informarsi con il proprio medico o farmacista su eventuali interazioni farmacologiche.
 
varicoseveins2_large Cura della pelle
Praticare una buona igiene della pelle è fondamentale per prevenire le infezioni. Dovresti mantenere la pelle idratata, in modo che non si sfaldi o si incrini facilmente. Se la pelle non è perforata o perde liquido ma è gonfio, il medico può raccomandare una crema anti-prurito, come quella che come idrocortisone come componente, una crema contenente ossido di zinco per proteggere la pelle o una pomata antifungina per inibire le infezioni fungine .
La pelle che trasuda fluidi viene trattata con impacchi umidi. Se hai ulcere alle gambe, il tuo medico ti insegnerà come applicare bende compressive a strati per proteggere la pelle e mantenere il flusso sanguigno.
 
Terapia non chirurgica
I trattamenti non chirurgici coinvolgono la scleroterapia e l’ablazione termica endovenosa.
La scleroterapia comporta l’iniezione di una soluzione direttamente nelle vene del ragno o piccole vene varicose che le fanno collassare e scomparire. Diversi trattamenti di scleroterapia sono normalmente necessari per raggiungere i risultati del desiderio. La scleroterapia è semplice, relativamente economica e può essere eseguita nello studio del medico. La scleroterapia può eliminare il dolore e l’angoscia di queste vene e aiuta a prevenire complicanze quali emorragia venosa e ulcerazione. Viene anche spesso eseguito da ragioni estetiche.
 
L’ablazione termica endovenosa è una tecnica unica che utilizza un laser o onde radio ad alta frequenza per produrre un potente calore locale nella vena interessata. La tecnologia differisce da ogni fonte di energia. Tuttavia, entrambe le forme di calore locale a calore locale chiudono la nave bersaglio. Questo approccio elimina le vene problematiche, ma le lascia sul posto, quindi ci sono il più piccolo sanguinamento e lividi rispetto alla legatura e allo stripping, i risultati dell’ablazione termica endovenosa sono meno dolore e ritorno più rapido alle normali attività, con risultati simili.
 
Trattamenti chirurgici
Quando è necessario un trattamento chirurgico
La chirurgia può essere necessaria per circa il 10% dei pazienti che richiedono un intervento chirurgico; le opzioni includono la stripping della vena e la legatura delle vene, la chirurgia di bypass, la flebectomia microincisione / ambulatoriale.
 
Stripping e legatura della vena viene eseguita in combinazione. La legatura venosa è prodotta in cui un chirurgo vascolare Tagslia e lega le vene problematiche. La maggior parte dei pazienti si riprende in pochi giorni e può iniziare le normali attività. La spogliatura è la rimozione chirurgica delle vene più grandi attraverso piccole incisioni. Stripping è un metodo più esteso e potrebbe richiedere fino a 10 giorni per il recupero. Di solito provoca lividi per diverse settimane dopo l’intervento chirurgico.
 
Il bypass della vena è una procedura simile all’intervento di bypass cardiaco, solo in una posizione diversa. Include l’utilizzo di una porzione della vena sana, rimossa da altri punti del corpo per reindirizzare il sangue intorno alla vena interessata dal CVI. Il bypass di Vien è un’opzione di trattamento per la CVI nella parte superiore della coscia ed è utilizzato solo nei casi più gravi, quando nessun altro trattamento può essere efficace.
 
La flebectomia microincisa / ambulatoriale è una procedura minimamente invasiva in cui piccole incisioni o punture con ago vengono eseguite sulle vene e il gancio flebectomia per rimuovere le vene problematiche.

                 

  • Si può prevenire l’insufficienza venosa cronica?

  •              

  • Evita lunghi periodi di stare in piedi o seduti
  •              

  • Esercita regolarmente
  •              

  • Smetti di fumare
  •              

  • Esercitare regolarmente
  •              

  • Mangia una dieta equilibrata.

Health Life Media Team

Lascia un commento