Cos’è un’ernia iatale

Last Updated on

L’esofago unisce la bocca e la gola allo stomaco. Si muove all’interno della cavità toracica e inizia dalla cavità addominale attraverso un foro nel diaframma noto come iato esofageo. Il termine ernia iatale definisce una condizione in cui una porzione dello stomaco che normalmente si trova nella cavità addominale si gonfia o sporge attraverso lo iato esofageo per sedersi all’interno della cavità toracica.
 
Cosa causa un’ernia iatale ?
 
Normalmente, il luogo dove passa l’esofago attraverso il diaframma è sigillato dalla membrana esofagea del phren, una sottile membrana di tessuto che attacca l’esofago con il diaframma dove l’esofago attraversa il diaframma in modo che la cavità toracica e la cavità addominale siano divise l’una dall’altra . Poiché l’esofago si accorcia e si allunga a ogni deglutizione, essenzialmente comprimendo il cibo nello stomaco, questa membrana richiede elasticità per consentire all’esofago di muoversi su e giù per la normale fisiologia dello stomaco, e questa membrana deve essere elastica per consentire all’esofago di muoversi su e giù . La fisiologia normale supporta la giunzione gastroesofageo (GE), dove l’esofago e lo stomaco si uniscono per muoversi avanti e indietro da appena sotto a appena sopra il diaframma. Tuttavia, a riposo, la giunzione GE deve essere posizionata sotto il diaframma e nella cavità addominale. È essenziale ricordare che queste distanze sono molto brevi.
 
Nel corso del tempo, la membrana faringoforea può indebolirsi, una parte dello stomaco può erniare nella membrana e persistere al di sopra del diaframma in modo permanente.
 
Diminuzione del tono muscolare addominale e aumento della pressione all’interno della città addominale può iniziare la crescita di un’ernia iatale. Pertanto, le persone in sovrappeso e le donne in gravidanza hanno un rischio elevato di sviluppare un’ernia iatale.
 
Le persone che hanno un vomito ripetitivo o che hanno costipazione e stitichezza per avere modelli intestinali aumentano la pressione intra-addominale quando si sforzano, e questo può indebolire la membrana faringo-esofagea.
 

 
La membrana può anche ammorbidire e perdere la sua elasticità come parte dell’invecchiamento.
Ascita un accumulo anormale di liquido nella cavità addominale spesso osservato nelle persone con insufficienza epatica anche, associata alla crescita di un’ernia iatale.
 
Esistono più tipi di ernia iatale?
Il tipo più comune di ernia iatale è un’ernia iatale scorrevole. Questo rappresenta il 95% di tutte le ernie iatali e, poiché un’ernia da iatale da sola non causa sintomi, non si sa con quale frequenza la sua condizione esista nella popolazione generale. Con un’ernia scorrevole, la giunzione GE e una porzione dello stomaco scivolano più in alto nel mediastino, l’area nel petto tra i polmoni dove l’esofago avanza e dove si trova il cuore. Un’ernia è più evidente durante l’aspirazione quando il diaframma si contrae e cade nella direzione della cavità addominale e quando l’esofago diminuisce durante la deglutizione.
In un’ernia para-esofageo, la lacuna nella membrana faringo-esofagea è grande e una porzione più grande dello stomaco ernia nel torace adiacente all’esofago e rimane lì, ma la giunzione GE rimane sotto il diaframma. Ciò è dovuto ai legamenti che mantengono le porzioni dello stomaco collegate ad altri organi all’interno dell’addome se si verifica un’ernia paraesofagea, parti dello stomaco ruotano verso l’alto assumendo quella posizione sopra il diaframma.
In una combinazione di eventi, se il difetto nel diaframma diventa grande, le giunzioni GE e le regioni di addizione dello stomaco possono erniare e trasformarsi nel torace causando sia un’erezione ernia para-esofagea che una iato scorrevole.
 
Quali sono i segni e i sintomi di un’ernia iatale?
 
Di per sé, un’ernia iatale non provoca sintomi e la maggior parte si trova inaspettatamente quando una persona ha una radiografia del torace o una radiografia addominale o Xray addominale inclusa la serie GI superiore e scansioni TC (dove il paziente ingoia il bario o altro materiale di contrasto ). Si trova anche casualmente durante l’endoscopia gastrointestinale dello stomaco dell’esofago e del duodeno (ECD)
 
Molto spesso se i sintomi si manifestano, sono dovuti alla malattia da reflusso gastroesofageo (GERD) in cui i succhi digestivi contenenti acido dallo stomaco si spostano verso l’alto nell’esofago.
 
Lo stomaco è come una scodella che consente al cibo e ai succhi digestivi di mescolarsi per iniziare il processo digestivo. Lo stomaco ha un rivestimento protettivo che inibisce l’acido dal divorare il muscolo dello stomaco e produrre infiammazione. Sfortunatamente, l’esofago non ha un rivestimento protettivo comparabile. Invece, si basa sullo sfintere esofageo inferiore (LES) situato alla giunzione GE e sul muscolo del diaframma che circonda l’esofago per fungere da coperchio o tappo per bloccare l’acido dal riflusso dall’addome all’esofago. Oltre al LES, la posizione normale della giunzione GE all’interno della cavità addominale è importante per mantenere l’acido al suo posto. C’è ulteriore pressione nella cavità toracica rispetto alla cavità addominale, in particolare durante l’aspirazione. Questa miscela di pressione esercitata all’interno dell’esofago più basso dal LES, dal diaframma e dalla cavità addominale produce una zona di pressione più elevata che mantiene in posizione l’acido dello stomaco.
 
Nei casi con ernia battente, la giunzione GE scorre sopra il diaframma e nel torace, e la zona di pressione più alta viene dissipata. All’acido è permesso di reflusso di nuovo nell’esofago creando infiammazione del rivestimento dell’esofago e dei sintomi di GERD.
 
Questi sintomi potrebbero includere quanto segue:


                 

  • Buring nella regione dell’esofago
  •              

  • Waterbrash, la rapida comparsa di una notevole quantità di saliva in bocca stimolata da
  •              

  • l’acido di riflusso
  •              

  • Bruciore di stomaco; dolore al petto o bruciore
  •              

  • Nausea, vomito o conati di vomito (sollevamenti secchi)

I sintomi normalmente peggiorano dopo i pasti. Questi sintomi possono peggiorare quando si sta sdraiati velocemente e possono risolversi quando si è seduti o camminando.
In alcuni soggetti, il riflusso nell’esofago inferiore scatena riflessi nervosi che possono produrre una tosse o addirittura uno spasmo delle piccole vie aeree all’interno dell’asma polmonare. Alcuni pazienti possono presentare gocce di acido di riflusso nella parte posteriore della gola. Questo acido può essere respirato o aspirato nel polmone producendo spasmi di tosse o asma ricorrenti infezioni del polmone compresa la polmonite e la bronchite. Questo può accadere in un individuo di tutte le età dai neonati agli anziani.
 
La maggior parte delle ernie vitali para-esofagee non ha sintomi di reflusso perché la giunzione GE risiede al di sotto del diaframma, ma a causa del modo in cui lo stomaco si è trasformato nel torace, vi è la probabilità di un volvolo gastrico in cui lo stomaco si torce su se stesso. Emergenza e cause di deglutizione difficile e dolorosa, dolore toracico e vomito.
 
Come viene diagnosticata un’ernia iatale?
Molto spesso, un’ernia iatale si trova inaspettatamente con i raggi X della gastronomia, l’EGD e talvolta la TC, poiché, di per sé, non provoca sintomi. Solamente quando ci sono collegamenti, i sintomi di GERD il paziente di solito cercano assistenza medica. Con sintomi di GERD, è probabile che un’ernia iatale esista in qualche forma poiché la maggior parte dei pazienti con GER ha ernie iatali.
 
Il più delle volte, la diagnosi viene stabilita da una rondine di bario o serie GI superiore, in cui un radiologo utilizza la fluoroscopia per esaminare in tempo reale mentre il bario inghiottito delinea l’esofago, lo stomaco e la parte superiore dell’intestino tenue. Oltre a vedere l’anatomia, il radiologo può anche notare il movimento dei muscoli che lavorano per spingere quel cibo di bario (e presumibilmente) attraverso l’esofago nello stomaco e oltre.
 
L’endoscopia è un’operazione medica eseguita sotto sedazione da un gastroenterologo per esaminare il rivestimento dell’esofago, dello stomaco e del duodeno. Un’ernia iatale può essere diagnosticata facilmente in questo modo e, cosa più importante, il medico può essere in grado di vedere le complicazioni di GEr dal reflusso di acido. L’endoscopia consiste nella diagnosi di cicatrici con struttura (restringimento dell’esofago e disturbi precancerosi come l’esofago di Barrett. Biopsie o piccoli campioni di tessuto possono essere prelevati ed esaminati al microscopio.
 
Qual è il trattamento per un’ernia iatale?
Il trattamento per l’ernia iatale è un trattamento per GERD e riduce al minimo il reflusso acido. Ciò include la riduzione della secrezione acida nello stomaco, la prevenzione di elementi e sostanze che sono fastidiosi per il rivestimento dello stomaco e mezzi meccanici per mantenere l’acido residuo nello stomaco a cui appartiene.
I farmaci inibitori della pompa protonica vengono normalmente utilizzati per ridurre la produzione di acido. Questi includono rabeprazolo (Aciphex), pantoprazolo (Protonix), esomeprazolo (Nexium), lansoprazolo (Prevacid), omeprazolo (Prilosec),
 
Modifiche allo stile di vita
I cambiamenti dello stile di vita possono includere elevare la testa mentre si sdraia a letto, dormire per consentire alla gravità di limitare l’acido di riflusso nell’esofago.
Piccoli pasti frequenti possono aiutare piuttosto che mangiare due o tre pasti abbondanti al giorno.
Alcuni cibi dovrebbero essere evitati tra cui cipolle, agrumi, pomodori, cibo piccante, tuttavia, la maggior parte delle persone sono consapevoli dei cibi che innescano i sintomi di bruciore di stomaco e li eludono.
 
Chirurgia dell’ernia iatale
Con l’aggiunta di farmaci inibitori della pompa protonica, medica
 

 
l terapia ha diminuito la necessità di un intervento chirurgico per lo scorrimento erniario iatale, ed è spesso consigliato solo per le persone che hanno fallito il trattamento farmacologico aggressivo o che hanno complicazioni avanzate di GERD, come ulcere, stenosi e emorragie, o quelli con polmonite cronica da aspirazione .
 
I pazienti con ernie para esofagee spesso non hanno sintomi e la chirurgia è necessaria solo se le ernie si restringono e rimangono bloccate nello iato diaframmatico o ruotano per causare un volvolo. Mentre questo è osservato più regolarmente nelle persone anziane, anche le ernie para-esofagee possono presentarsi come una condizione congenita nei neonati e nei neonati.
Molto spesso, l’intervento chirurgico viene eseguito come un’operazione minimamente invasiva utilizzando un laparoscopio. Sebbene esistano metodi diversi, i risultati sono comparabili e la scelta migliore è solitamente quella che il chirurgo si sente più rilassato in una circostanza specifica.
 
& Nbsp;

Health Life Media Team

Lascia un commento